Pollo agli aromi nella slow cooker

IMG_0119
Ormai lo sapete, quando Paolo vede il pollo, lo mangia rassegnato, a me piace e a lui tocca mangiarlo. Ma se gli cambio faccia, allora il pollo piace anche a lui.
La slow cooker in questo caso è la pentola perfetta.

Ingredienti:
Cosce di pollo disossate
aromi misti ( cipollina, timo,maggiorana, dragoncello,
rosmarino,salvia, santoreggia)
qualche pomodoro
2 cucchiaini di concentrato di pomodoro
aglio
sale e pepe
olio extra vergine
mezzo bicchiere di vino bianco

Lavare e tritare gli aromi. Tagliare il pomodoro. In una padella rosolare l’aglio e gli aromi per un paio di minuti, aggiungere il pomodoro e lasciar cuocere 5 minuti.

IMG_0078     IMG_0079     IMG_0080     IMG_0082
IMG_0084     IMG_0085     IMG_0087     IMG_0088

Pulire il pollo dai nervetti e le parti grasse, tagliarlo a pezzi  e dopo averlo rosolato bene, aggiungere  il concentrato sciolto nel vino bianco. Lasciare sfumare ma non del tutto.
Mettere tutto nella slow alla massima temperatura per 4 ore.Io metto un canovaccio sopra il coperchio, mi tiene di più il calore.  Se non avete la slow, va bene anche la pentola normale, cambiando i tempi di cottura, che saranno minori.
IMG_0089     IMG_0090     IMG_0092     IMG_0093
IMG_0096     IMG_0097     IMG_0098     IMG_0100

Annunci

Il brodo nella Slow Cooker

IMG_1390
Avevo una zia molto simpatica, abitava a Torino ed ogni volta che andava in vacanza, passava a trovarci. Niente di strano direte voi,  infatti, nulla di strano se non fosse che ci avvisava a qualsiasi ora che era a Venezia e stava per arrivare da lì a pochi minuti. 😆
Se capitava di sera era un via vai di preparativi per far posto ai miei zii e all’inizio anche ai due cuginetti. La casa non era grande, ma il posto si trovava sempre, lei si accontentava di dormire anche in un materasso sul pavimento, pur di stare con noi. Il suo arrivo era una festa, tante risate e tavola imbandita dei tanti vasetti che portava e quello che avevamo noi.
Una volta però è capitato che la mia famiglia era in vacanza ed io ero rimasta a casa da sola, per lavoro. Quel giorno mia mamma tornava e io in tutta fretta avevo pulito casa per benino, pure la cera avevo messo. In un mese non avevo praticamente fatto nulla 😆
Improvvisamente suona il telefono, la sua voce indimenticabile che mi dice :
“Ehiii ciaooo siamo qui a F. Nuove, stiamo arrivandooo”
” Oh cavolo!!!”
Non avevo una lira, la dispensa era praticamente vuota, avevo mangiato tutto quello che mi aveva lasciato mamma, che le faccio per cena? Alla fine ho recuperato un pezzo di carne e ho pensato di preparare il brodo. LEI è arrivata e con quel suo modo da mamma autoritaria, ha aperto il coperchio della pentola e subito mi ha “sgridata”.
” Ma che è questo, è un brodo secondo te?? E che brodo vuoi fare con carota sedano e cipolla?? Ci vuole anche la patata e il pomodoro, più verdure metti e più buono sarà, avanti vai a prenderli!!”

Da quel giorno, ogni volta che lo faccio, mi ricordo di lei e guai se non ho la patata e il pomodoro, il brodo non si fa.
Mi chiedo cosa direbbe, della mia Slow Cooker 😆

Ingredienti:
600g di carne da brodo ( scamone o campanello)
1 carota
1 gambo di sedano
1 cipolla
1 pomodoro ( o 3 secchi)
1 patata
sale grosso

Metto tutti gli ingredienti nella pentola e copro con un litro e mezzo di acqua. Dato che le verdure rimangono intere e salde anche dopo 13 ore, raddoppio carote e patata, cosi ho il contorno per la carne.
Lascio tutta la notte a temperatura media, il giorno dopo ho un brodo buonissimo.
IMG_1721 IMG_1720

IMG_1398

Gulasch a modo mio con la Slow Cooker

IMG_6308 copy

Mi ricordo di averlo mangiato in Trentino, il gulasch con peperoni e patate e così ho voluto farlo. Ma non ho controllato nessuna ricetta… ho fatto a caso, come piaceva a me. È venuto un piatto molto buono, il taglio di carne non era un granché ma nella slow è diventata tenerissima.

Ingredienti:

  • 7 etti di carne di manzo
  • 1 grossa cipolla o 5/6 cipolline
  • 1 peperone
  • 5/6 patate
  • 1 pizzico di cumino
  • 1/2 cucchiaino di paprica dolce
  • 1 peperoncino
  • olio extra vergine
  • due cucchiai di conserva
  • carota
  • sedano
  • 1 tazza di acqua

Ho messo nella slow cooker tutti gli ingredienti, la sera verso 21 a temperatura massima per circa un’ora, poi ho abbassato alla minima per tutta la notte , ho lasciato spento per circa 3 ore poi ho acceso fino all’ora di pranzo. Il peperone si è spappolato abbastanza, a noi è piaciuto cosi, perchè ha fatto un sugo più denso e saporito, ma se volete vedere i pezzi, aggiungeteli a metà cottura.Le patate erano perfette.

Ovviamente tutto ciò che io faccio con questa pentola, può essere fatto nel modo tradizionale, con le pentole tradizionali, basta sapersi regolare con i liquidi.
IMG_6293

Filetto di maiale nella Slow Cook

IMG_6534

Continuano gli esperimenti con la mia nuova pentola, questa volta ho preferito rosolare la carne prima di metterla nella Slow Cooke, perché volevo sigillarla bene, dato che avrei messo i piselli semi scongelati, insieme. Penso che la prossima volta li aggiungerò a fine cottura della carne, non si sono rotti, ma i piselli li preferisco più saldi. Magari dopo averli sgocciolati bene o averli scottati in acqua bollente, così non rilasceranno acqua. Il filetto è venuto tenerissimo, succoso, molto buono.

Ingredienti:
Un filetto di maiale
500g di piselli surgelati
rosmarino
aglio
sale e pepe
dado vegetale
vino bianco

Tirare fuori i piselli dal congelatore mezzora prima di iniziare.
Rosolare la carne su poco olio con aglio e rosmarino, appena è dorato, aggiungere mezzo bicchiere di vino bianco e lasciarlo sfumare a fuoco vivace.  Mettere la carne dentro la slow cooker, aggiungere i piselli asciugati con la carta da cucina. Non aggiungere acqua. Sale pepe e dado vegetale.
IMG_6469 IMG_6471 IMG_6473
Ho avviato la Slow alla temperatura massima per 3 ore. Il filetto era tenerissimo
IMG_6532

Patate e carciofini nella Slow Cooker

IMG_6326 copy

Volevo provare la mia slow cooker con le patate, avevo anche dei carciofini e dato che a noi piacciono, ho provato. Mi son venute benissimo, se le lasciavo ancora pochi minuti, le patate avrebbero fatto la crostina. E pensare che sono patate da gnocchi, avete mai provato a cuocere in pentola normale queste patate? Assorbono tutto l’olio, diventano un ammasso e se avanzano sono un mattone. Con la Slow, non succede, rimangono perfette e non assorbono il condimento.

Non ho foto del procedimento, le metterò la prossima volta che le farò. L’unico neo è che i carciofini diventano scuri, non so se sia perché ho aperto la pentola per guardare se mancava liquido dopo poco l’inizio della cottura, riproverò e vi saprò dire. Cercherò di essere più precisa con i tempi, ma se avete un’altra marca vi dovete regolare da soli.

Ingredienti:

  • patate
  • carciofini
  • prezzemolo
  • aglio
  • olio extra vergine
  • sale

Ho messo uno spicchio d’aglio con olio sulla Slow alla massima temperatura con il coperchio, l’ho lasciato finché ho sentito il profumo. Poi l’ho buttato.
Tagliare le patate e i carciofi, lavarli e senza sgocciolarli troppo, metteteli nella Slow, sarà sufficiente  solo l’acqua che è rimasta attaccata alle patate e ai carciofi per cuocerle, le ho condite con il prezzemolo e il sale, girandole bene.  Le ho lasciate cuocere alla massima temperatura per circa  4 ore, le ho proprio dimenticate, quando quasi all’ora di pranzo, mi sono ricordata, stavano friggendo leggermente, se le lasciavo si sarebbe formata la crostina.  Sono soddisfatta di questa prova, erano buonissime.