Carciofi ripieni di Rita

img_3921

Rita, sempre lei, ogni tanto mi sgancia una ricetta ligure.
Tutto a occhio, dice, io ho fatto cosi.
” I carciofi vanno interi non a metà!!”
Mi sgrida pure…
Non sono riuscita ad allargarli, avevano le foglie talmente strette che ho deciso di tagliarli.
Alla fine il sapore non cambia, sono buonissimi.

Grazie Rita

Ingredienti:
4 carciofi
1 panino grattato
prezzemolo
3/4 cucchiai di parmigiano
1 uovo
1 pezzetto di aglio ( forse non doveva esserci..boh)

Ho messo nel robot, il prezzemolo, l’aglio, il parmigiano, il pane. Ho macinato tutto e poi ho aggiunto l’uovo. Ho lavato e tagliato e carciofi, ho tolto un po della barbetta e li ho riempiti con il ripieno di pane. Ho messo tutto in una pentola con olio evo, ho fatto rosolare qualche minuto, ho aggiunto due dita di acqua sotto i carciofi, ho  continuato la cottura con coperchio a fuoco dolce.

 

img_3901   img_3903   img_3906   img_3908
img_3917

Annunci

Focaccia

img_2877
Ho provato questa focaccia perché basta una forchetta  per impastarla e l’ho adorata sin dalla prima volta. Unico nota negativa, ma a me piace molto mettere le mani in pasta, si devono fare 8 pieghe ogni 30 minuti.
L’ho vista da Miel & Ricotta e l’ho già fatta mille volte. Ho provato a impastarla la sera prima e far le pieghe la mattina, mettendo un grammo di lievito. La faccio quando voglio la focaccia a pranzo oppure devo andar via il pomeriggio.
Ho comprato anche la teglia barese di ferro e devo dire che viene benissimo.
Mi è successo di non rispettare i 30 minuti e parecchie volte, non conto le pieghe, ormai vado a occhio.

Ingredienti:
400 g di farina 0 ( uso la Rieper)
4 g di lievito di birra fresco ( 1 g se impastato la sera prima)
10 g di sale fino
300g di acqua tiepida
olio extra vergine

In una terrina aggiungo il sale alla farina. Sciolgo il lievito nell’acqua tiepida
img_2387  img_2388
Con la forchetta mischio aggiungendo l’acqua. Risulterà un impasto molto granuloso.

img_2389-2   img_2390
Metto l’impasto in una terrina ben unta di olio e lascio riposare 30 minuti ( o una notte se con un grammo di lievito).
img_2391  img_2392
Dopo 30 minuti ( ma se ne passano 40, fa lo stesso) faccio la prima piega. Ungo bene le mani e prendo un lembo di pasta, lo tiro e lo lascio cadere. Giro l’impasto e faccio un’altra piega. Si riesce a farne anche tre, volendo.
img_2806   img_2810
Lasciar riposare altri 30 minuti e ricominciare con le pieghe, aggiungere olio se si asciuga e ungere sempre anche le mani. Mano a mano che si va avanti l’impasto diventerà molto morbido e pieno di bolle.
img_2592  img_2423
Dopo l’ultima piega, aspettare 30 minuti. Ungere leggermente una teglia da forno, spolverizzarla di semola di grano duro. Stendere l’impasto delicatamente, prendendola da sotto con il palmo della mano.
img_2856  img_2858
Lasciar riposare 30 minuti. Io ho pestato del sale grosso, mischiato ad olio extra vergine l’ho pennellato sulla focaccia, dopo aver fatto dei “buchini” con le dita.
img_2864Intanto ho scaldato il forno a 240°. Infornato e abbassato a 200 dopo circa 10 minuti, l’ho lasciata cuocere fino a doratura.
img_2454
La faccio anche con olive o focaccine piccole
img_1901  img_1945
img_2454  img_2631

Coppie venete!!

IMG_0382
Ne è nata una discussione, quando ho detto alle mie amiche che volevo fare le crocette ferraresi, subito Serafina che ha abitato a Ferrara tanti anni, mi ha rimproverato.
Ma non era colpa mia, le avevo viste in un libro della Antonella Scialdone e lei le chiama crocette ferraresi!!

” NON SI CHIAMANO CROCETTE!! LE FERRARESI SONO COPPIE, VUOI CHE NON LO SAPPIA IO?!! POI CI SONO LE CIOPETE E MIA MAMMA CHE HA PIU’ MEMORIA DI ME DICE CHE QUESTE SONO LE SEMIGRASSE!!
“Crocette bolognesi, coppie ferraresi…  ciopete…semigrasse??? Ma che casino oh!!!”
” Ho deciso le chiamerò crocette VENETE!!!”
” Anzi no, le chiamerò coppie VENETE!”

E  fu cosi che una Sardainsaor cambiò il nome ad  un pane molto famoso 🙂

Ingredienti:

400 g di farina 0
120 g di lievito madre
150 g di acqua tiepida + 30 se serve
1 cucchiaio di malto o miele
25 g di strutto
15 g di olio extra vergine di oliva
8 g di sale fino

ATTENZIONE!! Io ho fatto un impasto doppio,  con le dosi della ricetta, vi vengono 2 coppie grandi o 4 crocette bolognesi come quelle del video.

Questo è un impasto duro, poco idratato, i 30 g di acqua in più, dovrete vedere voi se vi servono, perché ogni farina richiede il suo liquido. Io peso i 30 g  e li lascio da parte , poi aggiungo quel che serve.

Mettere nella planetaria ( o in una terrina se si impasta a mano)  i 150g di acqua tiepida con il lievito madre e farlo sciogliere. Aggiungere il malto e la farina, subito dopo lo strutto, poi l’olio e alla fine il sale. Amalgamare bene, impastare finché sarà diventato liscio. Portare l’impasto sulla spianatoia e lavorarlo un pochino con le mani. Mettere in una terrina coperto con pellicola e lasciarlo due ore fuori prima di metterlo in frigorifero per circa 12 ore.

IMG_0275     IMG_0278     IMG_0330     IMG_0331
IMG_0285     IMG_0279     IMG_0284     IMG_0286
IMG_0287     IMG_0288     IMG_0292     IMG_0291

La mattina dopo tirarlo fuori e lasciarlo a temperatura ambiente una o due ore, dipende dalla temperatura. Io l’ho dovuto mettere addirittura nel microonde con una ciotola di acqua bollente di fianco. Lievita poco, ma basterà per farlo diventare un impasto molto elastic0. Io ho fatto doppio impasto, ho tagliato e pesato 8 pezzi, ho formato una pallina e le ho incartate con pellicola.

IMG_0349     IMG_0350     IMG_0351     IMG_0352
Ho preso una pallina, l’ho schiacciata leggermente con la mano e poi l’ho passata nella sfogliatrice dell’impastatrice alla misura più larga, più volte fino a farla diventare una striscia lunga e stretta. Più lunga la fate più lunga verrà la coppia.

IMG_0353     IMG_0296     IMG_0295     IMG_0354

 

La striscia mia era circa 80 cm
Seguite il video per vedere come si deve formare il rotolino, bisogna tirare e arrotolare. Nel video sono crocette bolognesi, sempre lo stesso impasto, ma le due coppie non sono divise.
Noi invece oggi, le dividiamo.

Ora seguite le foto per far le coppie “venete” ( in realtà ferraresi). Una volta arrotolate le due strisce bisogna piegare i due lembi estremi rimasti in fuori.

IMG_0356-001
IMG_0357-002
IMG_0363-001
IMG_0366-001
IMG_0367-001
IMG_0368-001
IMG_0373

Lasciare lievitare al calduccio, magari dentro il forno con luce accesa se da voi fa ancora fresco, per tre ore.
Scaldare il forno a 225° … appena infornate, abbassate a 200° per 10 minuti … poi portate a 180° per altri 15 minuti. Gli ultimi 5 minuti se non sono dorati, portate la teglia più in alto in modo da essere più vicini alla serpentina. Il vostro forno potrebbe cuocere diversamente dal mio, le cotture sono sempre indicative.

IMG_0376
IMG_0404

La pappa al pomodoro della signora Laura

IMG_0974

La signora Laura è la nonna di Nicola, il fidanzato di mia figlia, vive a Lucca e la ringrazio per avermi dato la ricetta.
Avevo provato anche molto tempo fa’ a farla, ma non mi era piaciuta per niente, era una ricetta presa in rete, probabilmente non aver usato il pane toscano è stato il motivo più importante. Questa volta oltre la ricetta, Sara mi ha portato il pane. Ne ho approfittato per fare anche la ribollita.

Ingredienti:

  • aglio
  • pomodoro polpa circa 450g
  • basilico
  • qualche fetta di pane toscano raffermo
  • sale e pepe
  • olio extra vergine di oliva
  • dado vegetale

In una pentola di coccio, ho messo l’aglio a rosolare con l’olio, senza farlo bruciare.  Ho aggiunto la polpa di pomodoro e il basilico e ho fatto cuocere 10 minuti circa con poca acqua.

IMG_0921IMG_0922IMG_0925

Ho tagliato il pane a dadini e l’ho aggiunto al pomodoro, l’ho rigirato bene nel sugo finché si è ben impregnato, poi ho aggiunto un paio di bicchieri di acqua e il mio dado casalingo. Ho lasciato cuocere finché il pane mi è sembrato spappolato. Aggiungo dell’acqua se mi sembra troppo asciutto. Regolo di sale e pepe.

IMG_0923 IMG_0924 IMG_0926-001

IMG_0960

Frittata di pane e salame

Oggi sotto la tettoia, nel mio cucinotto, si respirava aria di autunno, il cielo grigio e l’umidità che penetrava nella pelle, si è proprio iniziato l’autunno. Mi accorgo che l’estate è finita anche da come dorme Mela, tutta accovacciata, con le zampe sotto il corpo :).
Una giornata da torta di pane, o canederli, o…. frittata di pane…. siiiii una frittata di pane e salame!!!
Nella dispensa non mancano mai i panini raffermi, mi sono ricordata di aver visto in rete questa frittata di Alessandro Borghese, molto povera, facilissima e utile per consumare il pane vecchio. Borghese dice di mettere 80g di salame su 6 uova e 400g di pane, a me è sembrato davvero pochino, ne ho messo 200g su 3 uova e ho fatto bene. Non ho messo il sale, il pane è già salato, il salame pure.
A noi è piaciuta molto sopratutto fredda.

Ingredienti:

  • 3 uova grandi
  • 200g di pane raffermo
  • 300ml di latte
  • 200g di salame nostrano
  • 2 cucchiai di parmigiano

Continua a leggere