Spaghetti con i ricci di mare

Tutta colpa sua, li ho visti da Sandra e mi sono messa in testa che dovevo trovarli e quindi ho detto al mio pescivendolo che me li procurasse. Ma come il solito, quando li ho ricevuti? Il giorno che avevo un appuntamento importante e avevo fretta. Non potevo lasciarli in frigorifero, ho chiesto aiuto a Paolo per tagliarli e io li ho puliti. Volevo avere il tempo di fare una ricerca per come prepararli. Non volevo cuocerli, ma non li volevo mangiare nemmeno crudi. NON AVEVO TEMPO CASPITA!!
Una ricerca molto veloce e ho deciso di fare una via di mezzo tra il crudo e il cotto, ma alla fine si son cotti del tutto spadellandoli velocemente con la pasta calda.
Forse il prossimo inverno andrò a Palermo, la prima cosa che mangerò saranno gli spaghetti con i ricci, per vedere la differenza con i miei che non mi hanno soddisfatto tantissimo, probabilmente le aspettative erano altissime e come succede sempre, se sono alte ci si aspetta molto, molto di più.
Comunque per tutti quelli che amano questi frutti di mare, ecco anche la mia ricetta.

Il sommelier consiglia:
Grillo di Mozia, Sicilia

Ingredienti per due persone:

  • 30 ricci di mare
  • 200g di spaghetti
  • olio extra vergine
  • prezzemolo
  • pepe
  • aglio

L’ideale per pulire i ricci dalle alghe senza perdere molto tempo, è avere vicino l’acqua di mare per immergere il mezzo guscio, in mancanza di questo, basterebbe un secchio di acqua, sempre di mare  ( consiglio di mia mamma che era solita mangiarli, quando abitavamo in Sardegna).
Io non lo avevo e mi sono armata di tanta pazienza, aiutandomi con un cucchiaino ho estratto le gonadi (uova) e le ho messo su un colino, così ho potuto raccogliere l’acqua interna filtrata dallo sporco. Paolo ha tagliato i gusci con una forbice.

  

 

Ho messo aglio e peperoncino con olio di oliva e ho fatto soffriggere. Ho aggiunto l’acqua filtrata dei ricci e meno di mezzo bicchiere di vino bianco. Ho lasciato sfumare e a fuoco spendo ho aggiunto le gonadi dei ricci.

  

Dopo aver cotto al dente gli spaghetti, li ho fatti saltare velocemente nel sugo, a fuoco acceso, aggiungendo prezzemolo fresco tritato.

6 thoughts on “Spaghetti con i ricci di mare

  1. Buoni si, ma non sono impazzita neanch’io, rispetto alle aspettative, quando li ho fatti.
    Diciamo che preferisco i bigoli con le sarde.
    Comunque non li ho mai mangiati in posti di mare. Probabilmente mi dovrò ricredere quando lo farò!

  2. Se posso dare un consiglio da profanissimo dei ricci di mare, avendoli provati anche io, so alcune cosette:
    i ricci non vanno cotti perchè si restringono e accartocciano. Meglio fare una salsina a crudo e poi saltarli in padella a fuoco spento. Gli spaghetti li puoi fare aglio e prezzemolo per dargli una sferzata non dolce (visto che i ricci lo sono moltissimo). In questa maniera dovrebbero rimanere piuttosto “salsosi” invece che compattarsi, dando un sapore ottimo, anche se sempre molto particolare.
    PS meglio non abbondare con la salsa altrimenti diventa tutto dolciastro! (provato sulla mia lingua😄 )

    • Certo che puoi dare consigli, ma è praticamente quello che ho fatto, aglio prezzemolo e spento il fuoco quando ho messo le uova. Ma io non voglio mangiarli crudi, quindi li ho spadellati pochissimo con la pasta. Sono rimasti morbidissimi ed erano gustosi… non erano dolci. Insomma il gusto mi sembrava equilibrato…ma preferisco un astice o il granchio. Io non li farò più…aspetterò di mangiarli in posti dove dicono che sono eccezionali per ricredermi.
      Magari a casa tua😆

Grazie a chi lascia un commento e a chi solo, mi legge.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...